Porca miseria, per anni ho sbagliato pastasciutta!

Eccomi qui, madre sciagurata di un povero figlio, spesso abbandonato a se stesso in nome delle smanie intellettualoidi della genitrice. Lo confesso: più di una volta, nell’ultimo anno,  non ho atteso trepidante il suo ritorno da scuola, allestendo giuliva gustosi manicaretti fatti in casa e riordinando amorosa la sua cameretta. Spesso me ne partivo prima che lui arrivasse, non prima di averlo provveduto di qualche busta di surgelato che, malinconicamente, si cucinava in solitudine, mentre io giocavo a fare la dottoranda universitaria in quel di Pisa.

 

Sono così malvagia ed egoista che dimentico (faccio finta di dimenticare) di stirare, costringendolo spesso ad indossare magliette e jeans desolatamente stropicciati (ma fanno tanto grunge, no?), senza contare la perversa abitudine di smarrire calzini e mutande nei mucchi di biancheria che si accumulano disordinatamente settimana dopo settimana.

Dal punto di vista educativo, poi …  Ho osato persino portare i miei due pargoli, povere stelle,  a qualche iniziativa dei miei amici di Laicità e Diritti, esponendoli imprudentemente ai malevoli influssi della “lobby LGBT”, in luoghi dove (Vade retro, Satana) si propagandavano idee malsane come la omogenitorialità o il matrimonio gay o la lotta all’omotransfobia. Senza contare i dibattiti sugli stereotipi di genere, organizzati a più riprese da quella cupa congrega di radical chic che risponde al nome di Libertà e Giustizia della quale, ahimé, ho fatto parte, come era prevedibile per una tristanzuola vetero-femminista quale la sottoscritta. Roba da far accapponare la pelle a quelle brave persone del Moige, per dire.

E dunque, eccola qui, la nostra strampalata famiglia, dove magari si mangia così e così, e nessun angelo del focolare svolazza per le stanze. No, la colf non ce la possiamo permettere, facciamo la spesa in maniera approssimativa, e la capofamiglia, che poi sarei io, tende a sputtanare cifre notevoli in quegli arnesi pericolosi che sono i libri, di argomenti vari e non sempre raccomandabili per due giovani ingenui come i miei figli. Ai quali, peraltro, non è stato mai impedito, nemmeno quando erano più piccoli, libero accesso a quella sentina di ogni male che è Internet. Sono cresciuti bene, Dio solo sa come, e va detto che in casa mia si litiga poco ma si discute parecchio. Ognuno di noi si prende cura degli altri, ognuno è al centro:  questa, per quanto ci riguarda, è famiglia, se non è sacrale, pazienza.

Eh sì, dico la verità, sono rimasta colpita proprio dall’uso dell’aggettivo “sacrale” in un contesto come quello delle scelte di marketing. “Per noi il concetto di famiglia sacrale rimane un valore fondamentale dell’azienda” ha testualmente detto Guido Barilla. Ma che cosa voleva intendere, di grazia? Probabilmente nulla, temo. Perché le idee di “sacro” o di “valore” applicate ad un piatto di pastasciutta o a un pacco di Macine del Mulino Bianco fanno, obiettivamente, ridere.

Ripensando poi a certi spot, che c’è di sacro in un mugnaio che parla con una gallina? Via, non prendiamoci in giro. Il povero Barilla sarà stato anche preso in contropiede dai perfidi conduttori della Zanzara, ma alla fine non ha fatto altro che rivelare la piccola furbizia di uno che mira a cavalcare il perbenismo bigotto e un po’ ignorante di una bella fetta di Italiani per vendere un pacco di rigatoni in più. 

Le reazioni lo hanno spaventato, e si è affrettato a rettificare. Come sempre accade, in questi casi, la toppa è stata peggio del buco (“Con riferimento alle mie dichiarazioni rese ieri alla Zanzara, mi scuso se le mie parole hanno generato fraintendimenti o polemiche o se hanno urtato la sensibilità di alcune persone. Nell’intervista volevo semplicemente sottolineare la centralità del ruolo della donna all’interno della famiglia». Così Guido Barilla torna sulle sue parole di ieri e aggiunge: «Per chiarezza desidero precisare che ho il massimo rispetto per qualunque persona, senza distinzione alcuna. Ho il massimo rispetto per i gay e per la libertà di espressione di chiunque. Ho anche detto e ribadisco che rispetto i matrimoni tra gay. Barilla nelle sue pubblicità- conclude la nota- rappresenta la famiglia perché questa accoglie chiunque e da sempre si identifica con la nostra marca” – fonte Il Sole 24 Ore),  perché confusa, imbarazzata e contraddittoria.

Insomma, il signor Barilla ha dimenticato un paio di cose che oggi non possono più essere trascurate. Prima di tutto, piaccia o non piaccia, la società italiana, sia pure fra mille contraddizioni, sta cambiando. Stanno cambiando le donne, le famiglie, il comune sentire. E’ vero che in molti  hanno difeso il  diritto di Barilla a “esprimere la sua opinione” ma altrettanti, probabilmente di più, hanno fieramente proclamato il boicottaggio. Ben gli sta.

In secondo luogo, la Rete è un’arma formidabile. Si crede forse che un brand posa impunemente sfruttare, che so, Twitter a proprio piacimento, ma su Twitter ci stanno tutti, proprio tutti, e si potrebbe dire  “chi di hashtag ferisce, di hashtag perisce”. Il marketing si fa virale, ma virali possono essere anche le reazioni, e i consumatori non se ne stanno più zitti e buoni sul divano di casa ad abbeverarsi all’improbabile catechismo marca Barilla. Per cui, ribadisco, ben gli sta.

Concludo. Visto che nell’ottica di Barilla, io sono evidentemente un’apostata, dovrò accettare pacificamente che per anni ho sbagliato marca di pastasciutta. Non sono degna. Me ne farò una ragione.

 

Comments

Commenti

Questo post è stato letto 637 volte!

Taggato , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.