Lettera aperta al Ministro Profumo

Lettera aperta al Ministro Profumo

Lettera aperta al Ministro Profumo, che si è fatto il Tumblr e ha ingaggiato Vecchioni e Baricco per raccontarci che studium vuol dire amore ed esortarci a portare a scuola i nostri sogni. 

 

Gentile Ministro Profumo, io non ho alle spalle esperti di comunicazione, uffici stampa, testimonial importanti. Ho giusto un computer, un collegamento Internet, un piccolo blog autogestito e una presenza limitata su qualche social network. Ho molti libri (anche ebook!) e spendo un bel po’ di soldi per comprarne altri, perché studiare mi piace, e di certo non ho bisogno che il buon Vecchioni mi spieghi che studium in latino vuol dire amore. Visto che studiare mi piace, e mi piace mettermi in gioco, comunicare, condividere quel che so e anche, perché no? imparare dagli altri, sono diventata prof. Sono insegnante, lo sono da quasi trent’anni e non mi sono mai pentita della mia scelta ma …

Ma i professori sono stanchi, Ministro, sono stanchi di essere da una parte maltrattati, umiliati, squalificati, dall’altra lusingati e blanditi con chiacchiere e spot e vetrine scintillanti e promesse di innovazione. Vedo con piacere che il suo motto è:  Porta a scuola i tuoi sogni … E se qualcuno le raccontasse invece i nostri incubi?

Continue reading