Saltare su un carro trainato da una bufala … e farsi male.

Saltare su un carro  trainato da una bufala … e farsi male.
ancora una bufala: basterebbe un po' di consapevolezza

copia-incolla: e la bufala diventa branco

L’ultima bufala –  tormentone via facebook a proposito del malvagio algoritmo recita così (copio-incollo, errori di formattazione e di punteggiatura inclusi,  da uno dei miei contatti che è imprudentemente caduto nel trappolone):

Beh, anch’io sto saltando sul carro che combatte la modifica dell’algoritmo di Facebook, poiche’ ho notato che non vedo più tanti post dei miei contatti .
Ecco come evitare di vedere sempre e solo gli stessi 25 amici :la vostra sezione notizie mostra di recente solo i post delle stesse poche persone, perché facebook adotta un nuovo algoritmo che propone le persone che leggono i vostri post. Tuttavia,volendo scegliere da solo,vi chiedo un favore. Se state leggendo questo messaggio , lasciatemi un commento veloce, un “ciao”, un adesivo, qualsiasi cosa vogliate, così sarete visualizzati nella mia sezione notizie. Altrimenti Facebook sceglie chi farmi vedere, e non gradisco che Zuckerberg lo faccia in mia vece. Voi ?.
Copiate ed incollate questo testo sulla vostra bacheca , in modo da poter godere di più interazione con tutti i tuoi contatti e bypassare il sistema.
Grazie per la dritta da chi ha già copiato e incollato quanto sopra.
Tenete il dito giu ‘ ovunque in questo post e “Copia” salta fuori. Cliccate su “Copia”, poi accedete alla vostra pagina, avviate un nuovo post sulla vostra pagina, poi mettete il dito ovunque nel campo bianco, vi apparira’ “incolla” salta su e cliccateci sopra… et voilà!.

Continue reading

Deve essere vero. Lo dice facebook

C’è un aspetto della vita sui social network che mi innervosisce particolarmente: vedere come persone intelligenti, dotate di normale raziocinio e capacità di discernimento, siano pronte a copiare-incollare qualsiasi sciocchezza si diffonda viralmente fra i propri contatti, senza verificare se l’informazione sia o no corretta. 

Continue reading